la via dell'artista

Benvenuto 2017

2017…è un numero che suona un po’ strano…sarà quel 17 che per alcuni porta bene per altri porta male. Io spero che porti bene a tutti noi…il mio oroscopo dice che farò faville (sono della bilancia) e il giro di carte che ho fatto ad agosto erano tutte strepitose (non uso i tarocchi ma le carte ispirazionali di Denise Linn)

Le premesse sono ottime!
Io sono un po’ fatalista ma sono anche quella che pensa che più mi impegno più il risultato arriva…forse quest’anno devo impegnarmi…..ad impegnarmi meno!

Più momenti di relax e riflessione, più momenti in cui la casualità dove lo spirito “creativo” del Creatore ha più spazio per esprimersi. Chi ha seguito il percorso de “La via dell’artista” sa di cosa parlo, per tutti gli altri, potete curiosare sulla pagina dedicata qui!

Il progetto legato alla ricerca del proprio lato creativo continua anche quest’anno, anche se ho finito di leggere il libro, molti degli esercizi proposti non sono riuscita a completarli e vorrei farli condividendoli, integrando la ricerca con altri tipi di esercizi da fare con voi che mi seguite sul blog e nel “circolo sacro” su facebook

Tra l’altro molti degli esercizi che vorrei proporvi sono adatti anche a chi non ha mail letto e mai leggerà “La via dell’artista” ma che vuole comunque mettersi in gioco!

Vi lascio con l’invito a crearvi un posto dove segnare tutti gli elenchi che propone di fare Julia Cameron (sono più di 25!!!!!) perchè è il modo migliore per conoscere dove siamo e dove vogliamo andare, cosa desideriamo di più nella vita.

Per me è molto difficile mettere a fuoco i miei desideri e così ho iniziato a scrivere un libretto dedicato a questi elenchi questa estate!!
Molti sono incompleti, molti altri sono da rivedere, ma è bellissimo leggere quello che ho scritto mesi fa e capire che sono andata avanti o che per altri aspetti ancora devo capire come fare a raggiungere il desiderio.

schermata-2017-01-10-alle-19-27-49

Anche voi avete questa difficoltà, oppure avete tutto chiaro di cosa volete nella vita? Un elenco che chiede di fare Julia è: Elencate il vostro desiderio creativo per l’anno, per il mese e per la settimana.

Io ci ho dovuto pensare un po’ ed eccovi i miei desideri:
dell’anno: cambiare la grafica del mio sito e la comunicazione visiva del mio brand, del mese: tenere il laboratorio d’argilla al Lab cafè, della settimana: passare le marche e mettere in prova il soprabito che ho tagliato settimana scorsa con mia mamma!

E quali sono i vostri desideri creativi per l’anno, il mese e la settimana?

Please follow and like us:
la via dell'artista

La via dell’artista: recuperiamo la fede

Siamo arrivati all’ultimo capitolo del libro “La via dell’artista” di Julia Cameron.

Quando sono partita con l’intenzione di leggere questo libro nell’arco dell’anno  non ero convinta che ce l’avrei fatta, perchè mi conosco: so che mi annoio facilmente e perchè sono del segno della Bilancia con ascendente Gemelli che vuol dire “mancanza di costanza”….cronica!

Non credevo ce l’avrei fatta ad arrivare fino in fondo perchè il libro è veramente molto impegnativo: non è solo un libro da leggere ma è da metabolizzare, ti porta a cambiare abitudini e a crearne di nuove, è un supporto per la crescita psicologica e spirituale, con tutti i pro e i contro che questo ti porta, come riconoscere ferite, mancanze e carenze, vissute soprattutto nel periodo dell’infanzia e dell’adolescenza, aperte e curate durante questo percorso.

2014-07-17-10-54-17

Un percorso che è ben rappresentato dal tatuaggio che ho sulla mia schiena: il Labirinto di Chartres. Mi ricorda sempre che “il percorso” non è una via dritta: parti e arrivi e hai finito. No, ha tante curve, tanti ostacoli: quando ti sembra di essere vicino al centro, fai un passo falso e subito sei lontano, quando hai fatto tanta strada e sei stanco e ti sembra di non arrivare più al centro del labirinto, alla meta del tuo percorso, giri una curva e sei arrivato!  Ma il percorso che hai fatto ti ha permesso di affrontare e superare quasi tutte le difficoltà,  ti ha reso un esperto!

Sono davvero molto felice di essere arrivata fino a qui! Ho acquisito più fiducia e più sicurezza in me, nelle mie capacità artistiche ma non solo, ho aperto un dialogo con la mia guida interiore, che ancora si deve affinare, ma che è già a buon punto!

Io mi sento solo a metà del percorso, perchè è vero che ho finito di leggere il libro, ma molte cose sono da mettere in pratica!

E anche per questo conto sul vostro supporto. Per il 2017 vorrei proporre degli esercizi pratici tratti dal libro, da fare singolarmente per poi confrontarci nel circolo sacro. Il percorso continua, d’altronde come dice anche Julia “La vita è fatta per essere un appuntamento con l’artista” quindi non ci si ferma mai!

Ci rivediamo su facebook, quando volete, nel circolo sacro, per confrontarci;  qui sul blog ritorno invece l’11 gennaio 2017 con una sorpresa super per voi.

Vi lascio con un meme da scaricare e stampare: che vi sia da guida per i prossimi mesi di percorso!

12-fiducia-guida-1

Please follow and like us:
la via dell'artista

La via dell’artista:recuperiamo l’autonomia

Siamo quasi arrivati alla fine di quest’avventura con Julia Cameron e il suo libro “La via dell’artista”.  Abbiamo affrontato da gennaio un percorso davvero tosto sullo sblocco creativo e ormai siamo alla fine, possiamo dirci contenti!

Oggi affrontiamo l’undicesimo capitolo e si parla di autonomia. Una volta acquisita autostima, capire quali strategie adottare per produrre al meglio è fondamentale.

Abbiamo bisogno di pensare che possiamo farcela da soli!

Dobbiamo accettare che il nostro valore come artisti non è definito da quanto guadagno mensile abbiamo. Il tema “soldi” è abbastanza ostico per me che soffro di ansia da prestazione lavorativa…quest’anno mi sono data un obiettivo, molto realistico e non troppo esoso, e devo dire che sono soddisfatta di quello che sono riuscita a fare! L’anno prossimo punto più alto!

Arrivata a questo punto, se anche fossi obbligata per motivi economici, a dover riprendere con un lavoro fisso in un ufficio, non potrei mai, ma proprio mai, rinunciare alle mie pratiche creative.

11-non-solo-il-mercato

Queste pratiche comprendono, oltre alla pittura su ceramica e la creazione di oggetti in argilla, il ricamo, la creazione di abiti, il cucito creativo e le passeggiate per Montevecchia.

Il movimento delle mani è facilitato se il nostro corpo è abituato a muoversi in generale.

La mia parola di quest’anno è “movimento” e direi che l’ho seguita al massimo, muovendo le mani, ma anche le gambe (sono Walking leader per il gruppo di cammino di Montevecchia). Il movimento delle gambe è assolutamente necessario quando voglio staccare dallo stress, quando voglio ricaricarmi e quando ho bisogno di una spinta per poter poi riprendere a muovere le mani. Della parola dell’anno ve ne parlerò prossimamente, credo ci saranno delle belle sorprese in merito.

11-esercizio-fisico

E voi vi muovete? Avete notato questo collegamento tra movimento delle mani e movimento del corpo in generale? Personalmente, come lo attuate?
Se volete possiamo parlarne insieme nel circolo sacro su facebook, vi aspetto lì!

 

 

 

 

Please follow and like us: